Babbo Natale

  

 

 

 

 

 

Drughe.it è su Facebook

 

     

 

 

 

 

 agrifoglioagrifoglioagrifoglioagrifoglioagrifoglio

 

agrifoglio agrifoglioagrifoglioagrifoglioagrifoglio

 

 

 

  

 

Caro Babbo Natale,

 

 ho deciso di dedicare un po’ di tempo per scriverti poche parole che vengono però dal cuore.

Mancano pochi giorni alla magica notte e probabilmente nel lontano “Polo Nord”

fervono i preparativi per il lungo viaggio

intorno al mondo che come ogni anno ti accingi ad affrontare per distribuire doni e speranza.

 

Mi dispiace se l’anno scorso ti ho rattristato,

ti sarai stupito dell’animosità delle mie parole e per questo mi scuso.

Ti confesso che c’è voluto molto tempo per rendermi conto che non avrei dovuto rivolgermi a te con tanta veemenza, ma sono certa che tu hai compreso quanto fosse grande il dolore che guidava la mia mano nello scrivere e hai saputo in parte perdonare, ora sono ancora qui a implorare il tuo aiuto.

 

 

Carissimo Babbo Natale,

 

 

vorrei dal profondo riuscire in un’impresa ardita che fino ad ora non ho portato a compimento;

per questo motivo ti chiedo:

la notte della Vigilia quando sorvolerai con la tua slitta la mia casa, lascia scivolare sotto l’albero scintillante che avrò  preparato per te, un solo dono, la forza necessaria affinché io possa perdonare tutte quelle persone che quel 29 Gennaio di 1.083 giorni orsono (2007) così facilmente hanno portato via una parte della mia vita, inquinando il mio cuore con il disprezzo e perché negarlo,

anche un pizzico di rancore.

Anche quest'anno ti ho chiesto l'impossibile, lo so, so anche non merito un così grande regalo,

ma se non puoi farlo per me, ti prego di farlo per loro.

 

Ti ringrazio.

 

candela

 

 luci di natale

  

 

 

 

 

 

 

 

Babbo che si fa bello !

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bookmark and Share